grate di sicurezza

Proteggere la propria casa con le grate di sicurezza

In termini di sicurezza non si può risparmiare ne in denaro ne in tempo dedicato a trovare la soluzione migliore per le proprie esigenze. Ci sono diverse soluzioni che rientrano aiutano ad alzare il livello generale di sicurezza della casa, una di queste è predisporre delle grate di sicurezza su finestre e porte.

Soprattutto nel periodo estivo l’aumento delle rapine è impossibile da trascurare. I dati parlano chiaro, in Italia negli ultimi 10 anni, si è assistito ad un aumento di oltre il 120% di furti e rapine. Al netto di ciò non è possibile fare orecchie da mercante e non adottare delle soluzioni di conseguenza. Oltre a porte blindate, sistemi vari di allarme, cani da guardia, videosorveglianza, si possono montare delle barriere fisiche che impediscano ad intrusi di entrare all’interno delle abitazioni. Le grate di sicurezza rappresentano le più semplici, le prime ma anche le più efficaci forme di protezione perché rappresentano un elemento fisico che impedisce l’ingresso in un’abitazione; l’unico modo per introdursi in un edificio protetto da grate di sicurezza è rimuoverle con strumentazioni complicate che produrrebbero rumore e desterebbero parecchia attenzione.

Grate di sicurezza: una scelta anche estetica

Le grate di sicurezza che si possono installare sulle proprie finestre e porte possono essere personalizzate con trame esteticamente gradevoli, dato che esse saranno esposte all’esterno e quindi verranno notate sicuramente dai passanti. Il ferro battutto è l’elemento più gradevole e più raffinato con cui costruire delle grate personalizzate anche lavorate artigianalmente, volendo. Altrimenti per una cifra sicuramente più ridotta ci si può accontentare di quelle tradizionali verticali delle quali, comunque, esistono diverse versioni, alcune particolarmente gradevoli alla vista.

Tipologie di grate di sicurezza

Le grate di sicurezza fisse sono quelle che, come suggerisce il nome, non possono essere rimosse e quindi non permettono l’areazione ne il contatto diretto con l’esterno. In questo caso diciamo che è come se la finestra in sé non esistesse più. Ecco perché questo tipo di grate viene installato solo nelle postazioni in cui non viene trascorso molto tempo. Il fatto di essere fisse presuppone che non vi siano cerniere che consentano un meccanismo di apertura. Essendo i punti di cerniera anche dei punti deboli in cui gli intrusi possono fare leva per rompere la grata, queste sono le più sicure della gamma.

Ci sono poi le grate di sicurezza a battente che possono possedere una o due ante a seconda anche della finestra su cui vengono installate. Il numero delle ante della grata sarebbe giusto che corrispondesse a quello della finestra sottostante, in modo tale che sia possibile aprirle entrambe nello stesso modo.

Le più moderne e tecnologiche sono poi le grate di sicurezza a scomparsa. Queste ultime hanno il vantaggio di essere richiudibili all’interno di cassonetti appositi quando non la loro funzione non è necessaria. A seconda della modalità con cui “scompaiono” questa tipologia di grata si suddivide in tre categorie: a scomparsa verticale, laterale, o a soffietto.

Quelle a scomparsa verticale si raccolgono in un cassonetto riposto in alto, come accade per le tapparelle, e quindi quando la loro funzione non è necessaria sono invisibili e non diminuiscono la quantità di luce che entra nelle stanze. Nel caso delle grate a scomparsa laterale il cassetto in cui si raccolgono è posizionato lateralmente nel muro. Ed, infine, quelle a soffietto hanno una trama accartocciabile su se stessa che quando è espansa forma la classica disposizione a rombi.

Optare per le grate di sicurezza vi farà sentire più al sicuro senza dover spendere un’esagerazione: a differenza dei sistemi di allarme tecnologici come le videocamere di sorveglianza o i sistemi di domotica, questa soluzione è più pratica ma comunque funzionale.

Alessia Bianchi

Internet addicted, amante della tecnologia scrive guide e news utili rispondendo a domande come codici sconto, come fare, i perche etc etc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.