sony cuffie

Cuffie Sony: ecco le migliori soluzioni da scegliere

Il marchio Sony è senz’altro uno dei più apprezzati sul mercato, visto che propone dispositivi praticamente in grado di svolgere ogni tipo di attività. Le cuffie Sony rappresentano uno dei tantissimi prodotti che hanno avuto un notevole successo sul mercato, proprio in virtù della qualità e dell’efficienza che le caratterizza.

Per poter individuare sul mercato il modello di cuffie Sony che meglio si adattano alle proprie necessità, uno dei consigli migliori da seguire è senz’altro quello di valutare con la massima attenzione un gran numero di aspetti e di caratteristiche non solo dal punto di vista tecnico, ma anche sotto il profilo funzionale. In questo modo, si potrà trovare proprio quel modello che riesce a soddisfare alla perfezione le proprie necessità.

Attenzione al formato

Uno dei primi aspetti sui conviene soffermarsi è certamente il formato che deve caratterizzare le cuffie Sony. Sul mercato si possono trovare delle cuffie della tipologia on-ear, ovvero denominate sovraurali, e quelle over-ear, conosciute anche come circumaurali.

La prima categoria di cuffie si caratterizza per un alto grado di leggerezza, ma anche di compattezza, oltre ad avere dei cuscinetti che vanno ad appoggiarsi in maniera diretta sulle orecchie. Per quanto riguarda la seconda categoria, è bene evidenziare come abbiano dei cuscinetti che vanno a ricoprire del tutto l’orecchio, in grado di garantire un ottimo isolamento acustico, ma presentano un peso e un ingombro maggiori in confronto ai modelli on-ear. Pure gli auricolari si caratterizzano per essere proposti in vari formati, ma ovviamente quelli di Sony fanno parte soprattutto della categoria on-ear, visto che si vanno ad inserire direttamente nell’orecchio.

La presenza del cavo o meno

Un’altra discriminante da tenere in grande considerazione è certamente la presenza del cavo oppure il fatto di essere senza fili, ovvero wireless. È chiaro che le cuffie Sony con cavo hanno un prezzo che, nella maggior parte dei casi, è molto più basso in confronto ai modelli wireless. Il vantaggio, in questi casi, è di non aver alcuna necessità di essere ricaricate, ma al tempo stesso vanno a garantire una qualità dal punto di vista sonoro priva di alcun compromesso. Concentrandosi su quelle wireless, invece, il vantaggio principale è certamente la maggiore praticità data da un senso di libertà più alto, ma non bisogna dimenticare anche come funzionino a batteria e debbano essere ricaricate di frequente, comunque in base al livello di autonomia che caratterizza ogni singolo modello.

Il sistema di funzionamento

In questo caso, la differenza principale è tra cuffie senza fili che funzionano via Bluetooth oppure sfruttando la radiofrequenza. Ebbene, nel secondo caso, si tratta di un modello di cuffie che necessitano per forza di cose di un ricevitore per poter funzionare nel migliore dei modi, oltre ad avere un raggio d’azione che può arrivare anche fino a 100 metri. Si tratta di una tipologia non molto costosa, ma in ogni caso spesso c’è il problema delle interferenze che arrivano dall’esterno.

Le cuffie wireless che funzionano tramite Bluetooth, invece, si caratterizzano per avere un raggio d’azione che può spingersi fino al massimo a una decina di metri. D’altro canto, però, hanno il vantaggio di non aver bisogno di alcun ricevitore per funzionare; quindi, il problema delle interferenze è molto più marginale e consentono un’interazione più profonda e completa con i vari dispositivi da cui arriva il suono.

Le cuffie che funzionano con la tecnologia Bluetooth, tra le altre cose, possono contare pur sul supporto alla tecnologia denominata NFC. In questo caso, c’è da sottolineare come riescano ad abbinarsi in maniera molto rapida rispetto a tutti i device più diffusi al giorno d’oggi, come ad esempio gli smartphone oppure i tablet.

Alessia Bianchi

Internet addicted, amante della tecnologia scrive guide e news utili rispondendo a domande come codici sconto, come fare, i perche etc etc.